Viaggiare a Barcellona

Viaggiare a Barcellona

E’ possibile viaggiare verso Barcellona? Quali restrizioni e quali test chiedono all’aeroporto?

Cari Amici vicini e lontani……aprendo i Social la domanda che campeggia in ogni post e’ sempre la stessa:

cosa chiedono all’aeroporto per venire a Barcellona?

E poi:

E per ritornare a casa?

Qui a Barcellona, oggi 28 di Aprile 2021 siamo ancora in stato di allarme e non si sa se, come previsto, il 10 Maggio verra’ sollevato definitivamente quindi, e’ abbastanza chiaro che per entrare/uscire dalla Spagna, e nello specifico, da Barcellona, in aereo dobbiamo avere la nostra bella PCR delle 72 ore precedenti e rifarla per uscire se ci fermiamo piu’ di 3gg completi.

In auto e’ un’altra storia perche, di fatto , dovete superare due confini nazionali, uno francese e uno spagnolo e , per le esperienze abbastanza recenti di amici e diversi viaggi andata/ritorno nessuno ha chiesto nulla o molto poco, prevalentemente in relazione alla durata del viaggio chiedendo di transitare senza pernottamento.

Tengo a precisare che regole, disposizioni e autorizzazioni sono sempre soggette alle autorita’ locali; italiane e spagnole se viaggiamo in aereo e italiane, francesi e spagnole se viaggiamo in auto.

A Barcellona ci sono diverse cliniche che forniscono il risultato immediato degli esami per affrontare il vostro viaggio quindi, di questo, non dovrete preoccuparvi ma anzi, approfittare di questo “momento storico” nel quale potrete scoprire questa fantastica citta’ senza l’affluenza turistica che sopporta quotidianamente tutti i giorni dell’anno.

Strade tranquille (anche quelle della Rambla e del Born!!!), ristoranti aperti che vi attendono a braccia aperte, appartamenti prima intoccabili a prezzi davvero alla portata di tutti.

E poi il mare e il sole che in questa stagione accarezza dolcemente le spiagge e i chiringuitos che attendono i loro ospiti per una nuova fantastica estate.

Cari amici, non abbiate paura a vivere il presente perche’ ogni lasciato e’ perso !!!

 

Fabio Ciabattini

Ricominciare

Ricominciare

Colau offre 230 strutture e luoghi a Barcellona alle scuole che hanno bisogno di spazio per soddisfare i rapporti

Il Comune mette a disposizione dei centri centri civici, biblioteche, musei, parchi e piazze per le lezioni o la ricreazione

Barcellona  ancora una volta ha anticipato  scenari di crisi dovuti alla pandemia di coronavirus . 

Dopo aver allestito padiglioni o hotel come impianti ospedalieri nelle settimane più critiche della crisi sanitaria, questa volta il governo del sindaco Ada Colau mette a disposizione di scuole e istituti della città spazi esterni ed interni per chi ha bisogno di ampliare le proprie strutture in uno scenario di rapporti ridotti . 

Spazi in 74 strutture e 159 in piazze o parchi da utilizzare per attività scolastiche o ricreative.

In totale 230 strutture o spazi pubblici per i 550 centri pubblici.

L’idea di fondo è garantire la presenza dopo sei mesi in cui i bambini ei ragazzi della città non hanno messo piede a scuola. Il sindaco ha ritenuto questo mercoledì che fosse “gravissimo chiudere le scuole per sei mesi”, ha difeso con veemenza “il diritto all’istruzione, soprattutto dei bambini delle famiglie più vulnerabili” e ha sottolineato: “Non possiamo ripetere gli errori e dobbiamo mettere il diritto all’istruzione al centro delle nostre priorità e considerare le scuole come servizi essenziali come ospedali o ambulatori. Dobbiamo mettere le risorse per garantire sicurezza e presenza ”.

Gli spazi interni disponibili includono musei, centri civici o biblioteche. 

E tra gli spazi aperti, parchi, giardini, piazze o ampi viali. 

Altri spazi includono musei come il CCCB, il Macba o la Fundació Miró, centri civici e biblioteche o parchi come Park Güell, Ciutadella, piazze Ciutat Vella e altri quartieri o lo spazio Tres Xemeneies. Saranno le scuole a dettagliare quali attività devono svolgere in ogni spazio.

Il piano per il ritorno a scuola in città prevede anche misure speciali per la disinfezione dei centri, il rafforzamento del personale e dell’orario nei 102 asili nido, e il personale comunale per aiutare i centri a gestire gli ingressi e le uscite dei centri in le prime settimane di corso. Lavorano anche su un sacchetto di tablet in modo che siano disponibili per gruppi che devono essere isolati a casa, in modo che possano seguire le lezioni che i loro compagni di classe possono insegnare di persona.

La lista presentata a maggio e giugno  lavorando intensamente attraverso il Consorzio per l’Istruzione, con i 10 quartieri della città e le aree coinvolte. 

A giugno, alle scuole della città è stato chiesto quali requisiti di spazio avrebbero potuto avere se il corso fosse iniziato con un basso numero di studenti e i centri fossero stati visitati. 

Un totale di 44 scuole ha dichiarato che potrebbero mancare gli spazi interni e 117 scuole, quelli esterni. Per specificare e gestire gli incarichi, la Giunta attiverà un Ufficio per il Coordinamento degli Spazi.

Il concistoro creerà anche un Ufficio di coordinamento per la scuola e la sanità con l’Agenzia per la sanità pubblica, il Consorzio per la salute, il Consorzio per l’istruzione e l’Istituto comunale di istruzione. I consorzi sono enti misti con la Generalitat. Questo Ufficio per la Scuola e la Salute garantirà che vengano effettuati test e misure di prevenzione per studenti e insegnanti e controllerà se ci sono casi di Covid-19 nei centri.

Il sindaco ha riferito che nei mesi di giugno e luglio sono stati aperti 2.400 posti negli asili nido comunali e si è verificato un solo caso di covid. Ed è emerso che i casi di covid nelle case e nelle attività estive sono stati 35 su un totale di 66mila bambini e giovani registrati. “È un fatto positivo che ci incoraggia”, ha sottolineato. Infine, ha ringraziato la comunità educativa, le famiglie e i bambini per i loro sforzi.

da EL PAIS 

Opinione | Solidarietà e generosità: Barcellona, ​​ora più che mai!

Opinione | Solidarietà e generosità: Barcellona, ​​ora più che mai!

Mentre contempliamo i molti modi in cui le nostre vite quotidiane sono cambiate, può essere allettante consentire ai pensieri pessimisti di inghiottirci.

In questi giorni hanno posto sfide senza precedenti a molti di noi, sia personali che professionali, quindi è comprensibile che a volte possiamo sentirci sopraffatti. In questi momenti, ti incoraggio a pensare non solo a come i cambiamenti provocati da questi tempi straordinari ti influenzano, ma anche a come influenzano gli altri: i tuoi amici, la tua famiglia, i tuoi vicini, i tuoi compagni di Barcellona.

Per quanto scomodo e incerto possa essere il nostro stato attuale, ci fornisce il tempo per riflettere.

La gravità dell’attuale situazione richiede precauzioni, ma aumenta anche la consapevolezza di quanto siamo collegati gli uni agli altri, alle nostre comunità.

Il nostro improvviso isolamento forzato ci ricorda quanto significano per noi i nostri amici e la nostra famiglia. Il nostro desiderio di vederli, di abbracciarli, di crogiolarsi nelle loro risate e di essere semplicemente in loro presenza è accentuato dai giorni che si allungano. Godere di volti familiari, fare nuove amicizie ed esplorare nuove relazioni è un privilegio meraviglioso che diamo per scontato quando siamo presi dal trambusto della vita quotidiana. Fino ad ora.

Mentre cerchiamo nuovi canali per reindirizzare la nostra attenzione, sia nel presente che nel lungo termine, abbiamo l’opportunità unica di impegnarci a fare la differenza nella nostra comunità.

Volgiamo le nostre menti non al nostro attuale isolamento fisico, ma alla nostra connessione.

Se non altro, questa pandemia globale ha messo in evidenza quanto siamo veramente connessi, quanto abbiamo bisogno l’uno dell’altro e quanto la nostra vicinanza fisica possa aiutarci o ferirci a vicenda.

Perché non siamo soli, non importa quanto possiamo sentirci isolati adesso.

Condividiamo questi sentimenti, questa incertezza e la speranza di porre fine a tutto questo con tutti gli altri in questa grande città e in tutto il mondo.

Stiamo soffrendo.

Ma trasformiamo il nostro dolore collettivo in un desiderio collettivo di superare.

Trasformiamo le nostre attuali paure e ansie – sentimenti che indubbiamente condividiamo tutti – in un desiderio condiviso di costruire una Barcellona migliore e più solidale.

?INSIEME?

Non vediamo l’ora che arrivi un momento in cui ripensare a questi giorni in retrospettiva, riposti in sicurezza nei nostri ricordi del passato.

Sarà davvero bello rivedersi, no?

Ma quando i nostri giorni di confino saranno finiti, non dimentichiamoci di quanto abbiamo bisogno l’uno dell’altro, di quanto possiamo aiutarci a vicenda e di quanto bene possiamo fare, se SOLO lavoriamo insieme. barcellona.link

Xavier Xargay è CEO di Dinners That Matter , un’organizzazione senza fini di lucro che aumenta la consapevolezza e dà alle cause locali e alle ONG una piattaforma per ottenere visibilità e aumentare la consapevolezza della propria missione. Dinners That Matter promuove generosità, comunità e vicinanza. La sua missione è di aiutare una varietà di aziende locali e socialmente impegnate attraverso la cooperazione con il settore della ristorazione per aiutare le persone che vivono a rischio socioeconomico.Puoi trovare ulteriori informazioni su Dinners That Matter su dinnersthatmatter.org o seguire l’organizzazione su Twitter su @DinnersTMatter , Facebook su @dinnersthatmatter e su Instagram su @dinnersthatmatter .

 

Servizi aiuto covid-19 Catalunya

Servizi aiuto covid-19 Catalunya

Aiuto alle aziende e ai progetti

 

ACCIÓ  si sta  adattando per creare nuovi canali di consulenza e nuovi servizi mirati alle esigenze sociali e commerciali causate dalla situazione medica di emergenza.
Mette a disposizione il Virtual Desk ACTION, un sistema multicanale di attenzione a consultazioni, consulenza aziendale e monitoraggio dei progetti.
Lanciano anche il nuovo mercato aziendale Covid-19, rivolto a qualsiasi azienda che possa offrire alla ricerca soluzioni tecnologiche, assistenza sanitaria o altri servizi per aiutare a rispondere alle nuove sfide poste da Covid-19 e alle misure sanitarie essenziali necessarie da adottare Ecco come:

 

# 1 Chat personalizzate
Risolvere immediatamente qualsiasi problema rafforzando il canale di chat AZIONE. Lo hanno rafforzato con un team di specialisti di innovazione aziendale e internazionalizzazione che risponderanno immediatamente. Risponderanno anche a tutte le tue domande relative all’esportazione e alla mobilità delle merci tra i paesi tramite chat.

 

# 2 Consigli attraverso la videoconferenza
Organizzano videoconferenze on demand per darti consigli e parlare di un nuovo progetto o per rispondere a domande più complesse. Il team di esperti sarà a vostra disposizione, sia dalla Catalogna che da altri uffici in tutto il mondo.

 

# 3Progetti in corso
Se stanno invece già lavorando con la tua azienda, razionalizzano il coordinamento del progetto attraverso un account manager personalizzato ed espandono i canali in modo da poter comunicare facilmente.

 

# 4Mercato BusinessCovid-19
Se cerchi o offri soluzioni tecnologiche o sanitarie per combattere la crisi del # Coronavirus, potrai parlare qui. Tra pochi giorni pubblichereranno le proposte ricevute e lavoreranno per raggiungere la loro destinazione.

 

Potrebbe interessarti anche leggere: